My Weblog TUTTA LA MIA VITA di gfeliziani

Fino all’ultimo respiro, fino all’ultima goccia di sangue un nome solo M A M M A

Archive for febbraio 2009

LA FILOSOFIA DELLA PANSESSUALITA’

Posted by caerebulldogs su febbraio 28, 2009

LA FILOSOFIA DELLA PANSESSUALITA’

La Teoria della Pansessualità (comprendente tutte le tendenze sessuali dell’uomo, siano esse occasionali o permanenti) è basata sull’osservazione dei fenomeni naturali ed è un argomento di ricerca riconosciuto dalla sessuologia mondiale.

La Teoria si propone di far superare i correnti “pregiudizi” spesso causa di disordine, emarginazione ed esclusione nella società contemporanea.

Chiunque può esser nato con specifiche tendenze sessuali o può svilupparle successivamente e, se non dannose socialmente, non dovrebbe reprimerle.

La nostra sessualità, come i nostri sentimenti, può risvegliarsi in una scala di intensità e modi verso persone di qualsiasi sesso, età ed aspetto, vive, morte o immaginarie, verso animali, cose e verso noi stessi.

Laddove il sesso viene considerato “peccaminoso” possono crearsi conflitti interni, esterni e fobie.

Considerato che tutti gli stimoli vengono dalla natura, ed essendo noi parte di essa, non siamo in grado di eluderli. Se una certa tendenza sessuale emerge, sicuramente le risultanti necessità e risposte sono anch’esse naturali e parte di un processo subconscio.

La storia e l’antropologia raccontano l’infinita variabilità del comportamento sessuale: la libertà di vivere il pansessualismo può certamente sciogliere alcune nevrosi, inutili sensi di colpa e di vergogna. Sarebbe sufficiente accettare la nostra ed altrui sessualità con maggiore apertura mentale per placare l’ansia causata dal credere di aver commesso un “peccato”.

In effetti la Teoria della Pansessualità aiuta a comprendere le numerose vie sessuali presenti o latenti in noi per accettarle e viverle con intelligenza, responsabilità e gioiosa naturalezza.

Peter Boom

Annunci

Posted in 1 | Leave a Comment »

Peter Boom detto Febbraio 11, 2009 a 4:57 pm

Posted by caerebulldogs su febbraio 28, 2009

Peter Boom detto

Febbraio 11, 2009 a 4:57 pm e

Interessanti commenti da Islamici indonesiani

Islam ‘recognizes homosexuality’ | The Jakarta Post
– Traduci
Moderate Muslim scholars said there were no reasons to reject homosexuals under … they had started practising pansexuality(with either a man or women or animals) …
thejakartapost.com/news/2008/03/27/islam-039recognizes-homosexualit… – Cache

The theory of Pansexuality
– Traduci
The theory of Pansexuality by Peter Boom – Il sito della teoria della Pansessualità di Peter Boom … Community. Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera …
digilander.libero.it/pansexuality – Cache

Posted in 1 | Leave a Comment »

Peter Boom detto Febbraio 18, 2009 a 2:55 pm

Posted by caerebulldogs su febbraio 28, 2009

Peter Boom detto Febbraio 18, 2009 a 2:55 pm e Nel 1991 incontrai per la prima volta Peter Boom, attore, poeta, cantante, scrittore di origine olandese. Un giorno d’estate del ‘92 dopo che c’eravamo visti a Nepi, ad una mostra di Luigi Fabrizi (sull’edera, pianta sacra a Dioniso), Peter mi telefonò al Circolo e mi chiese se volevo aiutarlo a correggere le bozze del suo nuovo libro “2020, il Nuovo Messia”, un romanzo fanta-ecologico in cui si prefigura la fine del mondo per inquinamento, con tanto di olocausto religiosamente gestito da un nuovo messia, e si immagina un nuovo inizio con il messia stesso nella parte di Adamo. Ho sempre amato i racconti di fantascienza e quella storia la trovai alquanto intrigante e divertente, anche perché riportava diverse mie teorie ecologiste “catastrofiste” che in quegli anni andavo preannunciando. Così accettai l’invito di Peter ed assieme a lui lavorai intensamente al libro per almeno due settimane, correggendo e cambiando, finché ci sembrò che il lavoro fosse completo. Poi scrissi una breve introduzione al romanzo che fu pubblicato attraverso l’amico Gianfranco Paris direttore della casa editrice BIG, la pubblicazione avvenne nel 1993. Negli anni a seguire furono fatte diverse presentazioni del libro, a Viterbo presso la Provincia, a Roma alla Libreria Croce, etc. archiviostorico.corriere.it/1994/maggio/27/senza_titolo_co_10_9405271628.shtml – 70k –archiviostorico.corriere.it/1994/giugno/24/senza_titolo_co_10_9406241468.shtml – 69k – Ho voluto fare questa premessa perché la teoria della pansessualità, elaborata da Peter Boom, era già contenuta in forma germinale in questo libro di fantasy-ecologia. La teoria non è nemmeno una scoperta, dal punto di vista fisiologico, è semplicemente la descrizione di quanto avviene in natura, e cioè che la sessualità ha infinite sfaccettature che si manifestano nella vita di ognuno e differentemente in diverse culture umane. Definire l’uomo eterosessuale od omosessuale è solo una descrizione limitativa che non ha senso alcuno, allo stesso modo in cui non ha senso parlare di “razze” umane. Esiste una sola specie umana dotata di una sessualità che assume vari modi espressivi e basta. Ma per giungere alla “conferma” da parte del mondo scientifico, di questa lapalissiana verità, Peter (e noi che l’abbiamo accompagnato nella traversata) ha dovuto combattere molto…. per infrangere il muro dello sessuologia separativa, sia quella tradizionale come anche quella gay…. La pansessualità rappresenta nel mondo della sessualità umana ciò che nella spiritualità io chiamo “spiritualità laica”. Come non si può definire “normale” un’espressione sessuale rispetto ad un’altra, così non si può definire assolutamente vero uno specifico modo religioso. Comunque oltre alla partecipazione di Peter Boom a diversi congressi di sessuologia ed anche per dare una parvenza di “legalità” al movimento sessuale – sincretistico in corso, fondammo con lui un “Comitato per lo studio della pansessualità”, tenendo la prima riunione nel Circolo di Calcata e successivamente ufficializzandolo depositando la comunicazione della costituzione al sindaco di Viterbo, al tempo Giancarlo Gabbianelli. Qui inserisco alcuni dei documenti raccolti sia sulla costituzione del Comitato che successivamente per la divulgazione della Teoria. Costituzione di un Comitato per la Teoria della Pansessualità: Gentile Sindaco di Viterbo, Giancarlo Gabbianelli. La informiamo che il giorno 21 marzo 2002, in Viterbo-Bagnaia, i sottoscritti firmatari hanno costituito un comitato avente per scopo lo studio e la divulgazione della Teoria della Pansessualità. I firmatari indicano come proprio portavoce e coordinatore il signor Peter Boom. Il significato del termine “pansessualità” sta ad indicare ogni libera espressione sessuale, sempre nel rispetto reciproco e delle leggi vigenti, senza vincolarla a schemi e valori prefissati. Infatti nella storia dell’uomo ed in ogni civiltà la sessualità è stata sempre celebrata nelle sue varie forme espressive, riconoscendo la validità e la naturalità di ognuna di esse. La Teoria della Pansessualità quindi vede tutte queste forme come naturali e legittime inclinazioni dell’uomo. La informiamo inoltre che questa Teoria è stata ritenuta degna di presentazione al prossimo Congresso della Federazione Europea di Sessuologia che si terrà a Cipro dal 16 al 20 giugno 2002. Nel frattempo verranno organizzati, a breve termine, una serie di incontri a Viterbo ed in altri centri della Tuscia per informare la popolazione sui risvolti e sul senso della Teoria, a cui non mancheremo di invitarLa personalmente. (Firmatari: Peter Boom, scrittore; Cesare Foschi, filosofo; Paolo D’Arpini, giornalista… altri…) Altre documentazioni: tribu.megablog.it/forum/p2362-2006-05-01-14_58_09.html – 16k – http://www.mail-archive.com/animali@peacelink.it/msg01718.html Peter Boom, ideatore della ” Teoria della Pansessualita’ “, ha promosso insieme con Paolo D’Arpini un Comitato per l’attuazione della LIBERA ESPRESSIONE SESSUALE, da lui definita ” Pansessualita’ “. Detto Comitato ha presentato la Teoria al VI° Congresso della Federazione Europea di Sessuologia a Limassol (Cipro, giugno 16 – 20 2002) su richiesta del Comitato Scientifico, inoltre ha presentato “La Filosofia della Pansessualità” in occasione del IX Congresso dell’European Federation of Sexology tenutosi in aprile 2008 presso il Cavalieri Hilton Hotel a Roma. Peter Boom ha ideato la Teoria nel 1990, ma questi ha spiccato il volo solo nel 2002 dopo il Congresso dell’EFS a Limassol ed ancora meglio dopo il Congresso europeo di sessuologia a Roma nel 2008. Il termine Pansessualità ormai viene abitualmente adoperato in tutte le lingue, si può trovare in tutti i dizionari moderni, è presente su Internet in modo massiccio. Molti personaggi del mondo artistico si sono dichiarati “pansessuali”, tra i quali i registi Gianni Amelio e Pedro Almodovar, i cantanti Miguel Bosé, Ricky Martin, Adriana Calcanhotto e Gianna Nannini. Naturalmente non vuol dire che coloro hanno sperimentato tutte le possibilità sessuali, ma solo di essere coscienti di avere dentro di sé tutte le opzioni possibili. La parola Pansessualismo è spiegata dal Professor Haeberle (Prof. Erwin J. Haeberle Founder and Director Archive for Sexology, Humboldt University, Berlin – ( http://www2.hu-berlin.de/sexology/ ) nel suo Dizionario Critico nel seguente modo: “Pansessualismo (a volte anche “pansessualità” dal greco “pan” : tutto) tutto ciò che riguarda l’amore sessuale. Un atteggiamento od una filosofia che sono basati sulla convinzione che il potenziale sessuale umano può e dovrebbe essere diretto verso ciascuno ed ogni cosa. Una volta, il termine “pansessualismo” veniva usato anche per la teoria che l’intero comportamento umano è comunque condizionato sessualmente (Sigmund Freud). Tale teoria non è considerata più valida.Oggi le parole “pansessualismo” e “pansessualità” vengono usate spesso da alcuni sostenitori della liberazione sessuale che vogliono trasmettere l’idea che gli attuali ruoli sessuali e di genere delle donne e degli uomini sono troppo ristretti, e che, quindi, una sessualità generale dovrebbe comprendere l’intero spettro degli orientamenti sessuali e ignorare deliberatamente tutte le altre distinzioni convenzionali “. La Teoria invita internazionalmente a dibattiti accesi ed è sta criticata aspramente soprattutto dalle religioni monoteiste. E’ resa pubblica oltre che dalla European Federation of Sexology da vari massmedia. Ultimamente anche su “Sexologìa Noticias”, il più importante notiziario sessuologico dell’America del Sud. The Jakarta Post ha iniziato sul suo blog un dibattito molto acceso con interessanti commenti di islamici indonesiani:| Islam ‘recognizes homosexuality’ | The Jakarta Post – Moderate Muslim scholars said there were no reasons to reject homosexuals under … they had started practising pansexuality (with either a man or women or animals) … The theory of Pansexuality by Peter Boom – Il sito della teoria della Pansessualità di Peter Boom … (http://digilander.libero.it/pansexuality) Pansexualita Pansexualität Pansexuality Pansexualidad Pansexualité Pansessualità Panfili Pansexualidade Pansexuality (Cinese, etc.). Ecco, credo con questo di aver reso sufficiente testimonianza della “battaglia” per la pari dignità sessuale svolta da Peter Boom in questi anni, a partire da quel fatidico primo incontro….. Paolo D’Arpini http://www.circolovegetarianocalcata.it/?s=Pansessualit%C3%A0

Posted in Blog, caerebulldogs, diario, Esoterismo, gfeliziani, Massoneria, pensieri, vita | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Morte ai fanatici ambientalisti

Posted by caerebulldogs su febbraio 26, 2009

 clip_image002

Mentre stavo pensando alla ennesima carognata che Don Camillo, lo stesso interpretato dal grande Fernandell, ha fatto a tutto il popolo italiano.

Tornando dalla Francia, con il suo sorriso tra l’ebete ed ironico, ci ha reso partecipi, bontà sua, del suo accordo per il nucleare con il presidente Francese, sbattendosene del risultato di un referendum popolare.

Pensavo che fare? Cosa scrivere? Così mi sono accorto che Dario Fo mi aveva preceduto.

Riporto il suo dire per contribuire alla sua diffusione, divulgazione e diramazione.

Le tre D che forse ci salveranno

PROPRIO ieri 24 febbraio il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha presentato a camere riunite il suo progetto riguardo la produzione di energia e ha specificato che la produzione sarà pulita e rinnovabile. Inoltre, ha annunciato la quota di denaro che lo Stato americano ha intenzione di stanziare a cominciare da subito. Ha aggiunto: "Il nostro primo obiettivo è quello di riuscire ad abbattere drasticamente l’inquinamento atmosferico e l’effetto serra".
Il giorno stesso, a Roma, il nostro primo ministro Berlusconi firmava un accordo per attuare nel nostro paese l’impianto di ben quattro centrali nucleari di terza generazione, e non ha assolutamente parlato dei problemi di riscaldamento globale. Segnaliamo a questo proposito che l’inquinamento della città di Milano per ben 35 giorni sui 55 dall’inizio dell’anno ha superato il livello di inquinamento atmosferico, raggiungendo i 171 microgrammi di polveri sottili, contro i 50 del limite europeo. Ma il Governo italiano e il Comune di Milano non fanno una piega.
Tornando al nucleare, Berlusconi ci dà notizia dell’avvenuto accordo sfoderando un sorriso compiaciuto. E aggiunge che finalmente si è "abbattuto il fanatismo ecologico di una parte politica che già vent’anni fa ci aveva impedito di terminare la costruzione di due nuove centrali". Quindi si torna al nucleare? Ma come, ci siamo battuti tanto, il 70% degli italiani nel referendum sulle centrali ha votato contro, e lui ci definisce in massa fanatici dell’ecologia? E specifica che quello nucleare è un metodo ormai controllabile e sicuro. Ma come sicuro? Silvio, ti sei scordato che non più tardi dell’anno scorso in Francia succedeva un disastro: dall’impianto nucleare più importante della nazione, fuoriuscivano scorie tossiche che colpivano dieci operai. "Ma, calma!" dice il ministro francese, "degli operai sono stati colpiti dalle esalazioni, è vero, ma solo leggermente". Cosa significa "leggermente"? Significa che i danni procurati alla salute di quei dipendenti sono insignificanti: gli son diventati i capelli un po’ azzurri, gli occhi fluorescenti e la pelle leggermente squamata. Qualcuno ha anche le branchie, ma gli stanno bene.
Ma io mi chiedo, questo nostro presidente è disinformato naturale o ha studiato per diventarlo? Nessuno gli ha detto che, a parte il pericolo continuo di disastro tipo Chèrnobyl, per il nucleare esiste il problema delle scorie? E che noi, in Italia, per il solo fatto di aver messo in funzione un paio di centrali nucleari cinquant’anni fa, ancora oggi abbiamo scorie che non sappiamo dove sbattere? E lo stesso accade anche in Francia, Il presidente ha dichiarato che entro il 2020 da noi sarà già attiva la prima delle quattro centrali previste. Ma quel cervello incandescente di governante sa cosa costa montare una centrale nucleare? In Finlandia ne stanno costruendo giusto una di ultima generazione. Avevano previsto che sarebbe costata un miliardo di euro, ma a metà percorso si sono accorti che il miliardo previsto s’era raddoppiato, due miliardi. Ora i responsabili della centrale, gente preparata e onesta, hanno avvertito che il valore dell’energia che riusciranno a produrre con quella loro centrale non riuscirà a coprire neanche la metà dei costi di fabbricazione ed impianto. Non solo, ma che la perdita aumenterà a dismisura quando, fra una ventina d’anni, come di norma, dovranno smontare tutto l’impianto e preoccuparsi di imballare ogni elemento dentro un enorme container in cemento armato, e poi andare a sistemarlo in uno spazio scavato nella roccia a un minimo di dieci metri sotto il livello del suolo.
E il nostro presidente, sempre lui, Silvio Eta Beta, assicura che l’energia nucleare è la più economica e produce ampi vantaggi e viene smentito immediatamente da ogni scienziato onesto e informato che lo sbeffeggia: "Ma che dici, Eta? Attento a te, i reattori funzionano solo grazie all’uranio arricchito. Ora devi sapere che negli ultimi anni il prezzo di questo propellente è aumentato di addirittura sette volte, per la semplice ragione che le riserve stanno per finire; e giacché il governo italiano ha appreso che per soddisfare l’intiero bisogno della nazione si dovrebbero realizzare, sul vostro territorio, almeno sessanta centrali dell’ultima generazione, dove andate a sbattere? Vi è sfuggito il particolare che per raggiungere questo numero abbisognano almeno trent’anni, con una spesa da fantascienza? E poi c’è il guaio che proprio in ragione dell’enorme numero di centrali che ogni paese cosiddetto civile ha in programma di costruire, entro quindici anni di uranio fruibile non ce ne sarà più e allora con cosa le fai andare le sessanta centrali, con le noccioline? O col popcorn?! E poi, cervellone mio, ci spieghi in quale zona o territorio hai in mente di costruirle queste centrali? Nessuno ti ha detto che l’Italia è un paese a forte incidenza tellurica? E che dal nord al sud più profondo non c’è luogo dove sia pensabile montarci un impianto nucleare? L’unico sicuro sarebbe Roma, anzi il Vaticano è proprio il punto ideale… io insisto e firmo per una soluzione del genere.
BY DARIO FO

Posted in Blog, denuncia, pensieri | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La figura del dttatore e la sua facile ironia

Posted by caerebulldogs su febbraio 24, 2009

clip_image002

 

 

Posted in Blog, denuncia, diario, pensieri, vita | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Divulgare, Diramare, Diffondere

Posted by caerebulldogs su febbraio 24, 2009

clip_image002

 

Le tre D che ci salveranno

 

Posted in Blog, denuncia, diario, pensieri, vita | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’attuale situazione dello stato italiano

Posted by caerebulldogs su febbraio 24, 2009

clip_image002

 

 

 

Posted in denuncia, diario, pensieri, vita | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IL quarto viaggio: il FUOCO

Posted by caerebulldogs su febbraio 23, 2009

clip_image002

 

 

Posted in caerebulldogs, Esoterismo, Massoneria | Leave a Comment »

La Mistificazione di Leo Taxil

Posted by caerebulldogs su febbraio 22, 2009

clip_image002

La bomba è scoppiata.

Nel campo clericale ne sono esterrefatti capi e gregari: Leo Taxil, dopo 12 anni di attacchi, di calunnie, di vituperi, di invenzioni infami, grottesche, ridicole, oscene, contro la Massoneria, ha dichiarato pubblicamente, che i suoi libri, gli articoli, i discorsi, le conferenze, il satanismo, il palladismo, Miss Vaughan, le lettere di Alberto Pike, la elezione di Adriano Lemmi a Sommo Pontefice della Massoneria luciferiana e tutto ciò che era uscito dalla sua vulcanica fantasia di riti laidi e diabolici non costituiva che una colossale mistificazione per trarre in inganno l’ingenuo gregge clericalesco e per ridere della sua supina imbecillità.

Dopo un po’ di tempo, anche le menti più ottuse avrebbero dovuto accorgersi che Leo Taxil non era e non poteva essere che un ciurmadore: ma l’odio contro la Massoneria faceva credere a tutto: i furbi dubitarono, ma imbevuti della infame massima gesuitica che la calunnia, anche più impudente e sfacciata, lascia sempre qualche traccia di sè, assistevano imperterriti e, in apparenza, creduli e inorriditi, al dilagare delle mostruose invenzioni, ed encomiavano ed onoravano e benedicevano ed arricchivano il camerata calunniatore.

Dicemmo “in apparenza creduli ed inorriditi”, perché chi abbia un po’ di cervello, non potrà mai credere che clericali colti ed esperti delle cose del mondo, gesuiti abilissimi, dotti nella storia e nei riti della Massoneria e Monsignori e Prelati e Vescovi ed Arcivescovi e Cardinali e lo stesso Papa Leone potessero prestar fede alla esistenza dei misteri palladici, alle evocazioni sataniche, alla infame costumanza del Pastos, alle firme apposte in contratti scellerati da Lucifero e dai diavoli Asmodeo, Bitrù, Azazele, e tanti altri, quanti la fantasia di Milton non seppe inventare.

Per le povere beghine ed i facili credenzoni deve essere oggi inevitabile una riflessione molto angosciosa: il Papa è infallibile; come ha creduto egli a questo furfante matricolato?

Di qui non si esce: o lo Spirito Santo ha ingannato il Papa, o il Papa ha ingannato i credenti: per cavarsela da questi corni del dilemma non c’ è che un pertugio: ed è aperto dal dubbio che l’infallibilità pontificia non sia anch’essa che una trovata ad uso Taxil.

La Massoneria, fino dai primordi della guerra banditale dal Taxil, affermò che egli era un turpe e sfrontato impostore; ma il clericalismo universale gridava la croce addosso ai Massoni, affermando che essi strillavano, imprecavano, si agitavano, si contorcevano perché, scoperti e denudati, bollati a fuoco sulle carni vive, dovevano mostrare in pubblico le loro piaghe, le loro magagne e le loro turpitudini; e quando il Vescovo di Charleston correva a Roma protestando, il buon’uomo, che i Massoni, dei quali egli conosceva in gran numero i capi più autorevoli, erano gente dabbene, che il Palladismo era, senza dubbio, una spudorata invenzione, si rimandava dal Vaticano alla sua Diocesi con la consegna del silenzio; con la stessa consegna si rinviava il Vescovo di Gibilterra, accorso anch’egli a Roma per attestare che neanche esistevano le famose caverne, dalle quali la immaginazione del Taxil faceva uscire le coorti infernali a convegno coi Massoni palladici.

Non si voleva riconoscere la verita!

Quando apparve sulla scena della denigrazione la famosa pulcella scampata per miracolo agli infami abbracciamenti e al culto di Satana, qual grido di gioia non si levò dal campo dei clericali?

Giuditta, Ester, Deborn, Giaele, Giovanna d’Arco, Carlotta Corday non contavano più nulla: Miss Diana Vaughan era sola sulle bocche di tutti: per poco avesse durato la commedia, l’avrebbero beatificata e consacrala agli altari.

Ed oggi cantano su tutti i toni che il Taxil è un arnese massonico, che le sue invenzioni furono pensate, elaborate nei conciliaboli della Massoneria per dare un fiero colpo al cattolicismo.

Imbroglioni e furfanti!

Che la stampa clericale avrebbe assunto prima o dopo cosiffatta attitudine, noi già prevedemmo: “mettiamo pegno – scrivemmo – che non passerà molto tempo, e qualcheduno dei periodici clericali insinuerà che la conversione di Leo Taxil al clericalismo non fu che una finta a lui imposta dalla tenebrosa satanica congrega dei Frammassoni”.

Non fummo profeti che a mezzo, perché dopo la conferenza nel salone della Società Geograflca di Parigi, non una voce soltanto, ma a coro pieno gli organi del partito clericale affermano la connivenza del Taxil colla Massoneria.

E non si accorgono, non diciamo che la loro nuova calunnia è sostanzialmente assurda – di questo ben si accorgono i furbi – ma che, anche nelle apparenze, la calunnia stessa è assolutamente incredibile.

Infatti, chi prestò fede al Taxil?

Non certo i Massoni che, in tutte le loro Riviste lo dichiararono subito spergiuro e impostore, ma i clericali che dalle stesse smentite della stampa massonica traevano argomento per accreditare le accuse, per quanto strane e orribili, del rinnegato: se essi non avessero incoraggiato in ogni modo con esortazioni, con applausi e con molti danari, l’opera del ciurmadore, a che sarebbe egli riuscito?

Chi rese dunque possibile questa campagna, più lunga dell’assedio di Troja, contro la Massoneria, e che ora si converte in una piramidale canzonatura contro il clericalismo?

 La imbecillità della grande massa e la perfidia dello stato maggiore dei clericali.

E c’è invero da divertirsi leggendo in questi giorni i diversi organi della stampa Clericalesca, l’Unità Cattolica, la Voce della Verità, l’Osservatore Romano alla capitale, e poi gli organetti che da quelli prendono la imbeccata nelle provincie: non si rassegnano ad essere vittime di una così audace e lunga e disastrosa mistificazione; e gridano che se i massoni non fossero stati d’accordo con Leo Taxil avrebbero, almeno i più noti e i più direttamente attaccati da lui, sporto querela di diffamazione.

L’argomento non regge perché, prima di tutto, uomini seri non si querelano quando un imbroglione matricolato afferma che essi hanno commercio col diavolo e che pongono con Satana, con Asmodeo, con Bitrù la loro firrna sugli stessi contratti: se i vescovi e i cardinali vogliono diventare ridicoli, facciano il comodo loro, ma non pretendano che diventino ugualmente ridicoli i capi della Massoneria: poi, dimostrato anche che alcune affermazioni erano false, non rimaneva forse tutta la macchina montata contro la collettività massonica?

Bisognava che la Massoneria avesse potuto querelarsi; ma essa, è scritto anche sui boccali di Montelupo, non avendo personaità giuridica, non può accedere ai Tribunali.

Possono invece accedervi, e farebbero bene accedendovi, tutti coloro che, mistificati, imbrogliati, turlupinati, mandarono danari a josa a Miss Diana Vaughan e al famoso imbroglione.

Si dice che in alcuni questa intenzione ci sia per davvero: tanto meglio, diremo anche noi col Peuple Français: così tutti coloro che comperarono i libri e le pubblicazioni di Miss Vaughan, accettando per veri i documenti falsificati od inventati di sana pianta, potrebbero
prendersi una tremenda rivincita; il furfante sarebbe punito, e quella immondezza che ebbbe nome Leo Taxil sarebbe spazzata per sempre dal cammino dei galantuomini.

Queste son frasi del Peuple Français: ma esse però non distruggono il fatto che questa immondezza venne tenuta in casa e abbiano, per 12 anni, covata amorosamente, perché imputridisse e germinasse laidezze nuove, i corifei del clericalismo mondiale.

Monsignor Fava, vescovo di Grenoble, rodomonte indiavolato nella guerra contro la Massoneria, che in Leo Taxil vide e proclamò per 12 anni un fratello di fede, un campiono invitto, scrive nella Semaine religieuse e recita con cristiana contrizione il suo confiteor:

Da dodici anni Jogand, detto Leo Taxil, si è fatto beffe un po’ di tutti e se ne vanta.

Si è fatto beffe della polizia, di Marsiglia, inventando una storia di pescicani; si è fatto beffe delle socielà scientifiche, inventando una città lacustre sotto il lago di Ginevra; si è fatto beffe dei frammassoni facendo credere in un’altra Massoneria di cui non si sospettava l’esistenza; infine si è fatto beffe dei cattolici e del clero, simulando personalmente una conversione falsa e sacrilega, e inventando la conversione di una pretesa Diana Vaughan.

La fine di questa mistificazione è un sollievo per la coscienza pubblica.

Sì, Eminenza; la fine di questa ciurmeria solleva la coscienza degli uomini dabbene, non quella di coloro che seguono la parti vostre, i quali avrebbero invece voluto – è inutile che lo dissimuliate con pretina disinvoltura – che la mistificazione continuasse finché l’odio delle masse incoscienti, raccolto e rinfocolato contro la Massoneria, scoppiasse in ribellione aperta e violentissima e distruggesse, con le Logge Massoniche e coi massoni, tutta l’opera che essi hanno fatto da secoli, per smascherare non meno nocive imposture, non meno stupide superstizioni. Ma se la biscia si è rivoltata al ciarlatano, che cosa possiamo far noi?

 Pensi il ciarlatano a curarsi la propria ferita.

L’abate Gamier, che assisteva scandalizzato, esterrefatto, inorridito alla conferenza dell’impostore, accennò, in un impeto di collera, ad un modo spiccio per vendicarsi della burla immane giuocata a lui ed ai suoi compari: accusò Leo Taxil di aver deposto il falso nel famoso processo Morés dinanzi alla Corte d?Assise: dia corso il violento abate alla sua minaccia; ha indugiato anche troppo: un uomo onesto, che ha la coscienza di un reato gravissimo, come quello che l’abate Gamier attribuisce al Taxil, non lo cela perché il reo milita nelle file del suo partito e lo denunzia sol quando il reo stesso fa giuoco profittevole agli avversari: questo ragionamento può non piacere all’iracondo abate Gamier, ma deriva, dritto come un sillogismo, dal codice dei galantuomini.

Ora i portavoce dei clericali si affannano per dimostrare che Leo Taxil non ebbe mai quegli incoraggiamenti dai più alti papaveri del partito e del Vaticano, dei quali egli si vanta e mena, sghignazzando, tanto rumore: ma è molto difficile che diano a bere anche questa, perché la conversazione col Papa, le lettere del suo segretario e quelle del cardinale Parrocchi non sono smentite, esse furono pubblicate da tutti i giornali: sono là a disposizione di chi voglia esaminarle e confrontarle: non sono come le firme di Bitrù – quelle non potevano controllarsi perché, che noi sappiamo, nessuno conobbe mai la calligrafia del demonio!

Ad ogni modo se la levino i clericali: noi constatiamo che la commedia, lunga e astutamente intessuta, ha già avuto uno scioglimento che soltanto dal tempo e da un ritorno della coscienza delle masse clericali ad un esatto apprezzamento, degli uomini e delle cose potevamo aspettarci.

La Massoneria, durante questi dodici anni di lotta, non ha sofferto nessuna interna perturbazione: ci fu chi sentì la necessità di affermare solennemente che l’Universale Pontificato Palladico non esisteva e che ogni Grande Oriente Nazionale era perfettamente autonomo entro i limiti tracciati dai principi dell’Ordine: ma la compagine massonica non si scosse: quindi i clericali, da questa campagna del Taxil, per cui negli animi loro si accesero tante speranze, non hanno raccolto che danno ed umiliazione.

E poiché tanto diffusi furono i libri del Taxil, gli scritti dei suoi compari e così largamente riprodotte e commentate le pretese rivelazioni di Miss Diana Vaughan, crediamo nostro dovere di pubblicare il testo preciso della conferenza del mistificatore, raccomandando alle Logge ed ai Fratelli di dare ad essa la maggiore possibile diffusione. Se molti ne rideranno, non la colpa, non il merito saranno nostri; ma di coloro che per dodici anni aiutarono l’impudente commediografo, lo sfacciato istrione, di consigli, di conforti, di plausi, di benedizioni e di biglietti di Banca.

E così, Messeri del Congresso antimassonico tridentino, così passa e svanisce la gloria del mondo! Così i gesuiti hanno, a loro spese, imparato che quando il loro diavolo nasceva, quello del Taxil stava ritto alla panca! – e li ha
canzonati a dovere!

 

 

 

Posted in Blog, caerebulldogs, Esoterismo, gfeliziani, Massoneria, pensieri | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ucci…Ucci.. Sta arrivando la Carlucci!

Posted by caerebulldogs su febbraio 20, 2009

clip_image002

L’onorevole Carlucci vuole rompere la telecamera

Sarà mica che vuole restare anonima?

 http://www.byoblu.com/5bc0e9eb-7064-4875-bc65-e60e1afe1248/post.aspx

Articolo interessantissimo fate girare

 

Posted in Blog, caerebulldogs, denuncia, diario, gfeliziani, pensieri, vita | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »